Lingue straniere moderne - Ulteriori attività

Crediti e attività riconoscibili tra le “Ulteriori Attività”

Attività “Crediti riservati all’Ateneo alle attività ex Art. 10, comma 5, lettera d.”
Le seguenti attività possono essere riconosciute tra le “Ulteriori attività” (II e III anno del corso di studio triennale in Lingue straniere moderne):

 

I SEMESTRE

26 ottobre 2018: VERCELLI E DISUM

Concorso di traduzione poetica - Festival di poesia civile (referenti: proff. Carla Pomaré, Marco Pustianaz, Cristina Iuli, Laurence Audéoud, Michele Mastroianni, Andrea Baldissera, Miriam Ravetto, Stefania Sini) 2 CFU per la partecipazione alle attività di traduzione di poesia civile (traduzioni di testi poetici da una delle quattro lingue straniere in italiano, traduzione del testo poetico scelto per il concorso).

14 novembre 2018, DISUM:  

Giornata di studi internazionale Autour de la traduction des Classiques en France aux XVIe et XVIIe siècles. Il prof. Michele Mastroianni, referente dell’attività, raccoglierà le firme degli studenti frequentanti. La partecipazione alla giornata di studi con la redazione della corrispettiva relazione finale comporteranno il riconoscimento di 1 CFU.

29-30 novembre 2018, DISUM:

Workshop internazionale su The Diachrony of Ditransitives. Nei giorni di giovedì 29 e venerdì 30 novembre 2018 si svolgerà nei locali del DISUM (Cripta di Sant’Andrea, Vercelli) un convegno internazionale di linguistica storica sulla diacronia di quei verbi che vengono definiti in letteratura ditransitivi. Si tratta di verbi trivalenti che tipicamente denotano trasferimento di possesso, a livello concreto (ad es. dare) o astratto e dunque cognitivo (ad es. insegnare) e pertanto reggono due “oggetti”, il Tema (ciò che viene trasferito) e il Ricevente (l’entità a cui viene trasferito il possesso). Lo scopo di questo workshop è indagare i verbi ditransitivi e le diverse costruzioni sintattiche alle quali danno origine focalizzando l’attenzione sugli aspetti diacronici, ossia sui cambiamenti ai quali sono soggetti. Il convegno è organizzato dalla Prof.ssa Maria Napoli (DISUM) in collaborazione con la Dott.ssa Chiara Fedriani (Università di Genova). Fanno parte del comitato scientifico anche la Dott.ssa Chiara Gianollo (Università di Bologna) e il Prof. Andrea Sansò (Università dell’Insubria). Al convegno parteciperanno numerosi studiosi, italiani e stranieri, che hanno risposto ad una Call for Papers, insieme a due relatori invitati, ossia il Prof. Timothy Colleman (Ghent University) e il Prof. Michele Prandi (Università di Genova). Nel corso delle due giornate verranno presentate 14 relazioni, ciascuna seguita da una breve discussione (giovedì 29/11/2018 ore 14.00-18.00, venerdì 30/11/2018 ore 9.00-16.00, per un totale di 11 ore). Le lingue analizzate sono: latino, greco, italiano, spagnolo, polacco, inglese, tedesco, olandese, svedese (il programma completo è disponibile all’indirizzo: https://ditransitives.uniupo.it/). La lingua del convegno è l’inglese. Agli studenti che parteciperanno a tutti gli incontri sarà richiesta una relazione scritta concernente ciascuno degli interventi, per un carico di lavoro complessivo di 50 ore (11+39). La partecipazione a tutti gli interventi e la redazione delle rispettive relazioni comporteranno il riconoscimento di 2 CFU. La partecipazione ad almeno sette interventi e la redazione delle rispettive relazioni comporteranno il riconoscimento di 1 CFU. Referente dell’attività è la Prof.ssa Maria Napoli (maria.napoli@uniupo.it), che raccoglierà le firme degli studenti che parteciperanno all’attività.

7 dicembre 2018: Novara  

Seminario: Giornata di Studi Oltre la Globalizzazione Mosaico/Mosaic della Società di Studi Geografici a Novara (NO)  “TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE: IL LESSICO ‘MOSAICALE’ DEI PROGETTI". Referente: Prof. Stefania Cerutti (stefania.cerutti@uniupo.it) info: https://sites.google.com/uniupo.it/ssg2018. La partecipazione alla giornata di studi con la redazione della corrispettiva relazione finale comporteranno il riconoscimento di 1 CFU

 

II SEMESTRE

Laboratorio di Storia della Musica (date da definire)

Il corso da 12 ore, tenuto dal Prof. Andrea Baldissera (andrea.baldissera@uniupo.it), si prefigge di fornire gli strumenti di base per poter analizzare alcune forme e alcuni generi fondamentali della musica colta occidentale, anche nella loro dimensione evolutiva; verranno presentati - in relazione alle forme analizzate- i principali compositori dei secoli d’oro della musica tonale (XVII-XIX). 1. Le basi della musica tonale (melodia e armonia, accordi e tonalità; temi e sintassi musicale); 2. Il Concerto (dalle origini barocche al primo Novecento); 3. La Sinfonia nella sua evoluzione formale; 4. Esempi di musica sacra (la messa, e le sue relazioni con la musica profana); 5. Il melodramma, da Monteverdi a Verdi (per campioni significativi). Lezione con ascolto (e visione, quando necessario) di brani/spezzoni rappresentativi delle forme e dei generi trattati. Si forniranno materiali on-line attraverso il servizio DIR. La partecipazione alle lezioni con superamento di un esame orale, della durata di 10-15 minuti comporterà il riconoscimento di 2 CFU.

Laboratorio del Coro in Lingua francese

Il Laboratorio ha come obbiettivo quello di far acquisire una buona padronanza della pratica orale del francese, far acquisire spirito di gruppo e senso di responsabilità nei riguardi di un progetto comune superando la propria timidezza nella pratica di una lingua straniera. Il corso (2 CFU) è presente nell'offerta formativa col codice LE0306. Referente prof. Laurence Vitroni (laurence.vitroni@uniupo.it)

21 e 22 febbraio 2019, DISUM:

Seminario di studi “Teorie e pratiche della narrazione a confronto”, organizzato dalla prof.ssa Stefania Sini con la prof.ssa Franca Sinopoli (Sapienza, Università di Roma). Il seminario si propone di riflettere, in una prospettiva transdisciplinare e transnazionale, sul rapporto tra gli studi narratologici "classici", le successive e recenti proposte teoriche sulla narrazione sviluppatesi in contesti disciplinari e culturali diversi e la loro efficacia esplicativa rispetto a differenti pratiche narrative, sia letterarie sia pertinenti ad altre aree semiotiche. Sono previsti 8 interventi presentati da docenti e specialisti di chiara fama provenienti dall’Italia e dall’estero. Le due mezze giornate consisteranno di 8 ore totali di interventi e dibattiti. I partecipanti al seminario dovranno preparare delle letture assegnate in anticipo da ciascun relatore. Agli studenti che parteciperanno a tutti gli incontri sarà richiesta una relazione scritta concernente ciascuno degli interventi, per un carico di lavoro complessivo di 50 ore: 18 ore (letture dei materiali) + 8 ore (frequenza) +24 ore (preparazione della relazione). La prof.ssa Stefania Sini, referente dell’attività, raccoglierà le firme degli studenti frequentanti. La partecipazione alle due mezze giornate con la preparazione delle corrispettive letture e la redazione della corrispettiva relazione comporteranno il riconoscimento di 2 CFU. La partecipazione ad una mezza giornata con la preparazione delle corrispettive letture e la redazione della corrispettiva relazione comporteranno il riconoscimento di 1 CFU.

Gennaio-Giugno 2019: Università degli Studi di Milano

Lezioni del Sodalizio Glottologico Milanese (in genere due lezioni di un'ora tenute su invito da professori universitari di linguistica per due lunedì al mese): la partecipazione a 14 ore di lezione (7 appuntamenti), con redazione della corrispettiva relazione comporteranno il riconoscimento di 3 CFU. La prof.ssa Marina Castagneto (marina.castagneto@uniupo.it), referente dell’attività, raccoglierà le relazioni.

29 aprile – 1 giugno 2019:

Convegno internazionale per l'ottavo centenario della fondazione dell'abbazia di S. Andrea a Vercelli. Nei giorni da mercoledì 29 aprile a sabato 1° giugno 2019 si svolgerà nei locali del DISUM (Cripta di Sant’Andrea) il Convegno internazionale di studi in occasione dell'ottavo centenario della fondazione dell'abbazia di S. Andrea a Vercelli (1219-2019), organizzato dall'Ateneo, dal Dipartimento di Studi Umanistici e dalla Società storica Vercellese, sotto la direzione scientifica del professor Saverio Lomartire (aspetti monumentali) e del professor Alessandro Barbero (aspetti storici). Il congresso, al quale parteciperanno numerosi importanti relatori italiani e stranieri, tutti specialisti noti dei temi trattati, si articolerà in sei sessioni, per un totale di non meno di 32 ore di relazioni e dibattiti. La prima giornata sarà dedicata agli aspetti storici, la seconda e la terza agli aspetti monumentali (architettonici, storico artistici, archeologici), mentre nella quarta giornata si affronteranno i temi dei restauri antichi e moderni al complesso abbaziale, della documentazione recente relativa al rilevamento e al monitoraggio del monumento, alla sua salvaguardia e alle prospettive della sua tutela e valorizzazione. A questa giornata interverranno anche i rappresentanti delle Amministrazioni pubbliche coinvolte e delle Soprintendenze competenti. Agli studenti che parteciperanno a tutti gli incontri sarà richiesta una relazione scritta concernente ciascuno degli interventi, per un carico di lavoro complessivo di 75 ore (36+39 ore). Il professor Saverio Lomartire, referente dell’attività, predisporrà, attraverso il tavolo di segreteria e di accoglienza presente nella sede del convegno, la raccolta le firme degli studenti frequentanti. La partecipazione a tutti gli incontri e la redazione delle corrispettive relazioni comporteranno il riconoscimento di 3 CFU. La partecipazione alla sola sessione dedicata ai temi storici (29 maggio 2019), ovvero ad una sola delle altre giornate dedicate agli altri aspetti monumentali, storico-artistici, di tutela e valorizzazione, con la redazione relativa ai corrispettive interventi (carico di lavoro complessivo 25 ore), comporterà il riconoscimento di 1 CFU. L’attività è aperta a tutti gli studenti del Corso di Studio, nelle due sedi di Vercelli ed Alessandria, e in particolare gli studenti di Storia medievale, di Storia dell'Arte e di Archeologia. Referente dell’attività è il professor Saverio Lomartire (saverio.lomartire@uniupo.it).

Settembre 2019: Lignano Sabbiadoro

Scuola estiva di Glottologia e Linguistica. A settembre 2019 si svolgerà a Lignano Sabbiadoro (Complesso turistico Bella Italia – EFA Village, viale Centrale 29, Lignano Sabbiadoro) e Udine (Università degli Studi di Udine, palazzo Antonini, via Petracco 8, Sala Convegni ‘Roberto Gusmani’) la 44° edizione della Scuola estiva di Glottologia e Linguistica, organizzata dalla Società Italiana di Glottologia. Quattro professori di chiara fama terranno tre lezioni ciascuno. A queste dodici lezioni, ciascuna della durata di 90 minuti, si aggiunge una lectio magistralis; la scuola prevede dunque nel suo complesso la frequenza di 18 ore di lezione. Tutte le informazioni (programma, bando, modulo di iscrizione) sono reperibili all’indirizzo della scuola: https://sites.google.com/view/scuolasig/home. Agli studenti sarà richiesto di svolgere individualmente un elaborato finale, consistente nella redazione di una relazione scritta sui temi discussi, per un carico di lavoro complessivo di 50 ore (18 + 32), da consegnare alla referente della attività (professoressa Marina Castagneto). La scuola è una attività a pagamento. Il costo complessivo di 230 euro è comprensivo di: quota di iscrizione (pari a € 50); quota di soggiorno (pari a € 180; include: tre pernottamenti in camera doppia ‒ non sono disponibili camere singole; gli abbinamenti verranno decisi dagli organizzatori; pasti per l’intera durata del Corso, inclusa la cena sociale conclusiva mercoledì sera alla presenza della Presidente e del Direttivo della SIG; visita culturale presso il Centro Studi “Pier Paolo Pasolini” di Casarsa della Delizia). Non è prevista alcuna borsa di studio. Si tratta di una attività aperta a tutti gli studenti del Corso di Studio in Lingue Straniere Moderne L‐11. Per le firme farà fede l'attestato di partecipazione che verrà fornito agli studenti che frequenteranno la scuola. Referente dell’attività è la professoressa Marina Castagneto (marina.castagneto@uniupo.it). Per la partecipazione alla scuola della Società Italiana di Glottologia verranno riconosciuti 2 CFU.

 

ECDL - European Computer Driving Licence

​Il corso di studio in Lingue straniere moderne prevede che per ottenere i 6 CFU, come indicato nell'ambito delle "Ulteriori Attività", occorre l' ECDL Standard, ovvero completa dei 7 moduli.
Leggi le informazioni su ECDL