Prestito in sede

Che cos'è il prestito?

Il prestito è un servizio dedicato a chi è iscritto alla Biblioteca e permette di consultare al di fuori della stessa.
Se non sei iscritto, puoi iscriverti al momento, in modo semplice e veloce presentando al Banco prestito:

  • documento di identità;
  • smart card che ti hanno dato al momento dell’iscrizione (se sei uno studente);
  • codice fiscale.

Se sei un nostro studente, la validità della tessera della Biblioteca varia a seconda della durata del tuo corso di laurea.

Per tutti gli studenti è attiva la sezione personale dalla pagina del catalogo BiblioUpo (link https://upo.sebina.it/opac/.do), da cui è possibile verificare i prestiti in atto, effettuare proroghe e richieste. Consulta la Guida al catalogo online delle biblioteche BiblioUPO qui allegata per saperne di più.
Se sei un utente esterno ammesso al prestito, la tua tessera sarà valida per un anno.

Il prestito al pubblico viene effettuato unicamente su appuntamento nei giorni di apertura.

Al fine di tutelare la salute personale e nel rispetto della normativa vigente in materia di Covid-19, accedono al servizio soltanto gli utenti che, a fronte di una prenotazione online già effettuata, abbiano ricevuto conferma dalla Biblioteca della possibilità di ritirare i volumi richiesti.

 

Le istruzioni per effettuare una richiesta di prestito e una prenotazione del giorno e ora in cui ritirare il libro, sono nell’allegato in fondo alla pagina.

Il giorno dell’appuntamento ci si dovrà presentare all’ingresso della biblioteca nella fascia oraria indicata per mail con un documento di riconoscimento e indossando obbligatoriamente la mascherina.

Ai sensi delle Linee di indirizzo per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive approvate dal Governo in accordo con la Conferenza delle Regioni, “il trattamento di fondi documentari e collezioni librarie, non potendo essere sottoposto a procedure di disinfezione poiché dannose per gli stessi, dovrà attenersi alle procedure di stoccaggio in isolamento degli stessi dopo il loro utilizzo”. Le procedure previste in Ateneo prevedono un tempo di quarantena pari a 72 ore.

L’allegato 9 al DPCM 7 agosto 2020 "[…] precisa che l'isolamento preventivo delle collezioni delle biblioteche e degli archivi si intende limitato ai materiali che provengono dal prestito agli utenti e quindi da un flusso esterno non controllato, e che pertanto non si applica alla consultazione interna, che deve avvenire sempre previa igienizzazione delle mani."

 

Una volta restituiti i volumi diventeranno indisponibili per il tempo della necessaria quarantena.

Per la riconsegna al termine del prestito sarà utilizzato esclusivamente il Box restituzione libri posto all’esterno della biblioteca.

Chi non avesse la possibilità di restituire personalmente il materiale in prestito, potrà provvedere a rispedirlo tramite raccomandata all’indirizzo della biblioteca prestante. In questo caso l’utente è pregato di informare la biblioteca con una mail, in modo tale da vedersi concesso un periodo di eventuale tolleranza per la ritardata restituzione dovuta a tempi postali. Si consiglia di tener traccia della spedizione, in caso di smarrimento del volume l’utente sarà tenuto a ricomprarne uno identico o rifondere la biblioteca per il danno subito.

Sono escluse dal prestito queste risorse:

  • periodici;
  • libri antichi, edizioni rare e di pregio;
  • opere in consultazione su qualsiasi supporto: enciclopedie, dizionari;
  • opere deteriorate.

Riferimento Prestito in sede: Silvana Bellopede
per informazioni e assistenza per rinnovi e prenotazioni: tel. 0161228212,
email: biblioteca.disum@uniupo.it